Un luogo che offre l'emozione di un clima mistico con i suoi gioielli più preziosi incastonati in un clima di struggente bellezza. Ci sono storie di fede genuine, di puro slancio religioso, di quotidiane e popolari devozioni che, spesso, soltanto i Santuari sanno raccontare. Di Polla e del suo Santuario francescano dedicato da quasi cinque secoli al santo di Padova, anche questo si può dire. E sono storie che difficilmente vengono registrate e riproposte: è il vizio, per carità veniale, che può rendere certi edifici soltanto muti testimoni di pietra. I manuali di storia dell'arte o, finanche, le guide turistiche non fanno luce, spesso, su quelle pietre vive che sono la fede e la devozione, la speranza e il senso cristiano le vere pietre che consacrano a Dio un tempio e la sua città.cartolina_1920

Anche per Polla la storia è quella che si è verificata in tantissimi altri centri in cui è fiorita la devozione al Santo "dei miracoli". Qui però la devozione ne ha fatto del Convento dedicato al santo di Padova un vero e proprio scrigno di opere d'arte. Difatti il Santuario di Polla è senza dubbio il complesso architettonico francescano più ricco d'arte del Salernitano. Bisogna ritornare indietro nel tempo per saperne di più: nel 1541 la popolazione volle finanziare la costruzione affinchè giungessero anche a Polla i Frati Minori. Il Convento ha avuto un periodo di particolare splendore nel XVII secolo quando era animato da padre Ambrogio Pantoliano il quale lo trasformò in un prezioso cantiere che vide all'opera artisti locali e forestieri.

Lo stile è quello rinascimentale ma si abbellì dell'esuberanza del Barocco i cui numerosi dipinti, intarsi lignei, affreschi e sculture offrono al visitatore una ineguagliabile visione.Chi vi entra rimane estasiato di fronte alla sua grandiosità e bellezza offrendo così al visitatore una serie di elementi di grande interesse artistico, storico e di fede.

statua_s_antonioIl Santuario di Polla suscita nell'animo dei visitatori una profonda emozione e al tempo stesso infonde in essi quella serenità che accompagna lo spirito tipicamente francescano. Il Santuario costituisce nel suo insieme l'elemento conclusivo di una visione particolarmente suggestiva per l'ampio panorama sul Vallo di Diano, dominando il paesaggio sottostante del paese che sembra così vigilare per assicurarne la costante e fraterna benedizione e protezione del suo caro sant'Antonio.

Il Convento di Polla è così uno dei casi emblematici e simbolici di quelli che sono stati lungo il corso dei secoli i rapporti tra una popolazione e una comunità di francescani. Questo Convento, questa Chiesa testimoniano sì il genio dei frati, ma soprattutto la vitalità del popolo di Polla, e non solamente per gli aspetti artistici, ma anche per gli aspetti strettamente religiosi. La popolazione di Polla nel corso degli anni è stata sempre legata generosamente ai frati. Un autentico rapporto al quale bisogna riferirsi costantemente.In questa atmosfera si comprendono bene le parole che un pensatore contemporaneo espresse dicendo che "la spiritualità in qualsiasi forma essa si presenti imita il gesto materno della terra". In questo contesto, la maternità imitata dal complesso francescano di Polla, manifesta la sensibilità per una civiltà che questo paese attraverso questa presenza ha saputo esprimere. E allora questo Santuario può raccontarci la storia di questo popolo, la cultura di questi popolo e l'arte. Storia, cultura e arte che emanano dalla spiritualità della fede.

statuaUn legame dolce e fecondo quindi tra la popolazione e sant'Antonio, che trova nella tredicina e nella festività del 13 giugno, la sua più alta espressione. La statua del Santo è portata in processione attraverso le strade del paese: è una straordinaria processione che dura ben dieci ore. Una espressione di quella che sicuramente è la pietà popolare che non è riconducibile alle preghiere, alle processioni che tante volte hanno anche il senso del folclore, ma che bisogna essere capaci di leggere dentro. Nella pietà popolare, una popolazione esprime tutto il suo animo, tutto il suo genio, tutta la sua capacità creativa, tutta la sua capacità di riflessione, tutta la sua capacità artistica, tutta la sua fede genuina. Dove la popolazione locale poteva esprimere tutto ciò se non nella pietà, che non è quindi solo processione: è poesia popolare, è racconto del popolo che si tramanda di generazione in generazione, è creazione artistica. Un significato storico e religioso insieme.